Reflex analogica Chinon CM-4

Chinon CM-4

Chinon CM-4

Qualche giorno fa ho ricevuto in prestito una vecchia reflex analogica 35mm, la Chinon CM-4 prodotta a partire dal 1980, visibile nella foto in alto (fonte: www.thecamerasite.net).
I comandi a disposizione sono ridotti allo stretto indispensabile: non ha l’autoscatto (introdotto nel modello CM-4s), non ha la compensazione dell’esposizione, non ha la preview della profondità di campo,

non ha alcun tipo di gestione delle priorità né – tantomeno – alcuna impostazione automatica…ma ha l’ineguagliabile fascino del vintage e del controllo totalmente manuale dei parametri di scatto. L’unica agevolazione è la presenza di un esposimetro TTL (Center weighted, con misurazione a prevalenza centrale) che, attraverso tre led posti esternamente a sinistra del mirino, indica se la scena ripresa è esposta correttamente o meno. L’esposimetro e i led hanno bisogno di due batterie a bottone tipo LR44 che si innestano nella parte inferiore del corpo macchina. La velocità dell’otturatore può variare da 1s a 1/1000s, ed è possibile utilizzare la posa “B”. Il mirino ha una copertura del 92%. La sensibilità della pellicola può essere impostata da 25 a 1600 ASA. L’apertura del diaframma invece è gestibile dall’apposita ghiera degli obiettivi compatibili, che devono avere innesto K-Mount (Pentax). La semplicità costruttiva e la mancanza di fronzoli si traducono anche in leggerezza: il corpo macchina ha un peso di soli 455 grammi.Il funzionamento dell’esposimetro TTL tramite i tre led posti a fianco del mirino è semplice ed intuitivo; se si accende la luce rossa in alto stiamo sovraesponendo, se si accende la luce rossa in basso stiamo sottoesponendo, se si accende la luce verde al centro la scena è correttamente esposta. Di quanti stop sia la sotto o sovra esposizione non è dato saperlo, ma con un pochino di pratica e soprattutto guardando il risultato finale stampato o digitalizzato si riescono ad effettuare le regolazioni per ottenere risultati soddisfacenti.

Per questa ragione porto sempre con me un taccuino dove annoto, per ogni singolo scatto, i dati essenziali ovvero tempo e diaframma utilizzato.

 

Ho ricevuto in dotazione anche queste ottiche:

 

  • 50mm f/1.9 (Chinon), quello che si vede montato in figura
  • doppia focale 28mm f/3.5 – 35mm f/3.8 (Soligor)
  • 80-200 f/4.5 (Mitakon)

 

Sto utilizzando prevalentemente il 50mm per ritratti, è una lente molto luminosa che consente di realizzare ottimi sfocati con profondità di campo ridotta.

Annunci